.
Annunci online

Sanità: il ticket farmaceutico ennesima tegola sulla testa dei cittadini.

E’ bastata la bacchettata dei sindacati e la minaccia di una mobilitazione generale a spingere le forze politiche di maggioranza a sedersi ad un tavolo e tornare ad analizzare (forse in modo approfondito) l’opportunità dell’imposizione ingiusta del ticket farmaceutico.
Un provvedimento vergognoso imposto dalla giunta regionale che costringe i cittadini, in maniera indistinta, di contribuire al risanamento della voragine finanziaria della sanità regionale perpetrata da una gestione sballata delle risorse nel corso degli anni.

Il ticket è entrato in vigore martedì, approvato dalla giunta solamente il sabato prima (il 30 dicembre), pari ad 1,5 euro a confezione per l’acquisto di medicinali cosiddetti a marchio, con un massimo di 3 euro a ricetta.

Dovrebbe garantire 50 milioni di entrate, pari al solo disavanzo nel settore farmaceutico rientrante negli oltre 6 miliardi di deficit regionale in tutto il comparto sanità. Un buco stratosferico al 31/12/2005 per un capitolo di bilancio che da tanta sostanza in termini finanziari ma scarsa in termini di risultati.

Più di una volta le magagne economiche regionali sono finite nel mirino della magistratura e da tre mesi un apposito fascicolo è stato aperto presso la Procura Generale della Corte dei Conti per presunti danni erariali per un ammontare di 243 milioni, 29 dei quali riguardano l’ambito della pubblica sanità.
Nelle motivazioni al fascicolo, non mancherebbe nulla: consulenze affidate da Asl a Comuni e personalità esterne, infermieri cui sarebbero state corrisposte indennità varie fino a 10 anni senza averne diritto.

I problemi vanno avanti da anni, fino a giungere al tracollo di quest’anno quando il governo centrale, in odor di DPEF ha reso noto il disastro finanziario in cui versa la sanità pubblica nazionale, costringendo le regioni interessate, tra cui la Campania, alla stipula di un Patto per la Salute che fissa termini di spesa ai vari capitoli.
Il dato più sconcertante è quello che arriva dai fondi statali: malgrado gli 8 miliardi di euro che la Conferenza Stato-Regioni ha trasferito per il 2006 al Fondo Sanitario Regionale, la distribuzione e l’impiego di essi non saranno sufficienti a ripianare i conti.
Negli ultimi cinque anni, sebbene le finanziarie che si sono succedute, abbiano realizzato cospicui tagli nei settori nevralgici del Paese, al FSR sono andate risorse in crescendo, raggiungendo la massima cifra proprio nell’anno appena trascorso.

Il Ministero della Salute, pubblica sul proprio sito i dati economici delle ASL e delle AO nelle regioni (aggiornati fino al 2004).

I dati più eloquenti:

- L’ASL NAPOLI 1, la più grande azienda sanitaria d’Europa, ha ricavato nel 2003 226 milioni, a fronte di 450 milioni di costi di produzione.

Ora, a partire da un costo pari a 100 per i servizi forniti, è riuscita a far registrare solo il 50% di copertura dei costi con il fatturato.

-L’ASL SALERNO 2 ha ricavato nel 2003, 98 milioni, a fronte di 123 milioni di costi di produzione.

A parità di costo 100, ha coperto con il fatturato l’86 % dei costi di produzione dei servizi.

Con una indagine a Campione commissionata dal consigliere regionale Ugo Carpinelli, si è cercato di individuare gli sprechi della sanità in Campania. E’ emersa una serie di dati particolari, che mettono sul banco degli imputati l’assessore alla sanità regionale Angelo Montemarano ed i dirigenti della SORESA, la società che dovrebbe azzerare i pesanti debiti del sistema sanitario regionale e centralizzare gli acquisti dei beni e attrezzature sanitarie.

Nella ASL SALERNO 2 una siringa monouso da 5ml costa 3,20 centesimi. Importo che corrisponde a 63 lire per iniezione.

L’ASL CASERTA 1 spende per ogni siringa, con regolare gara, 69 lire.

BENEVENTO ha trovato un fornitore che garantisce un prodotto di eguale qualità, ma ancora più costoso perché per i pazienti sanniti ogni iniezione costa all’Als 89 lire.

Cifra che all’ASL AVELLINO 2 sale a 91 delle vecchie lire.

La cosa sorprendente è che l’azienda che ha vinto l’appalto per fornire la piccola Asl di Benevento 1 è la stessa che fornisce le siringhe monouso da 5ml anche all’Azienda Sanitaria più grande d’Europa, la NAPOLI 1. La differenza è nel prezzo. L’Asl NAPOLI 1 paga 102 lire ogni iniezione monouso. Stesse siringhe, stesso fornitore!

La SORESA è titolare esclusiva delle funzioni di acquisto e fornitura dei beni e attrezzature delle Asl e delle Aziende ospedaliere. A tal fine essa elabora annualmente un programma di contenimento della spesa corrente sanitaria definendo piani e procedure centralizzate, a livello regionale, per l’acquisto di beni e attrezzature sanitarie.

L’introduzione del ticket farmaceutico non può che essere la classica toppa dei contribuenti alle toppate dei governi. Decine di pensionati e disoccupati stanno affollando in queste ore gli uffici delle ASL per avere informazioni su eventuali esenzioni. Alcuni, come mio nonno, sono stati costretti a pagare fino a 15 euro di ticket per medicinali fondamentali come cardioaspirine e pillole per l’ipertensione.

Il dispositivo di conversione per la prescrizione di farmaci generici, messo appunto dalla giunta regionale, non è ancora stato distribuito ai medici di famiglia ed alle ASL. Tavole di comparazione da farmaci di marchio a quelli generici, naturalmente, mancano. E chi compra in questi primi giorni di vigore del provvedimento, paga in maniera indiscriminata.

Non si sa chi è esente. Sarebbe stato naturale prevedere che in soli tre giorni e per di più a cavallo del Capodanno, non sarebbe stato materialmente possibile informare tutte le strutture e gli operatori sanitari interessati.

Non era meglio aspettare o prolungare i tempi di entrata in vigore? Il consiglio in tempo di stesura della finanziaria è stato fin troppo accorto ad aumentare le auto blu, raddoppiare i bonus e rimborsi benzina ai suoi membri. A non tagliare un centesimo di sprechi.

Si è attesa l’ultima ora dell’anno per l’assalto alle tasche dei contribuenti, già abbastanza vessati dalle bazzecole dei governi regionali.



permalink | inviato da il 5/1/2007 alle 17:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Sfoglia dicembre        settembre
temi della settimana

bassolino criminalità organizzata fesr emergenza rifuti spazzatura aereoporto salerno rifiuti mafia giugliano afragola napoli riflessioni antonio bassolino ambiente campania acerra politica malattie epidemia inceneritore



ultimi commenti
8/2/2010 2:41:24 PM
faebi in Cosa c'è dietro la strage di Afragola?
"abusivismo, politica corrotta, camorra, ok, ma sarebbe ora che anche le persone scegliessero di ..."
9/29/2007 1:12:02 PM
antonio (parteattiva) in Bassolino, un calcio all'economia salernitana
"Sono mesi che mi indigno leggendo e analizzando il POR 2000-2006 e i vari PIT..progettualità è un ..."
9/24/2007 7:26:40 PM
michele in Bassolino, un calcio all'economia salernitana
"Un Re che prospera sui suoi disastri."
1/18/2007 11:46:20 AM
il berretto a sonagli in Tra Volla e Ponticelli ecco la discarica nell'orto.
"ancora una volta un bel post. teniamoci in contatto."
1/17/2007 5:11:18 PM
il berretto a sonagli in Sanità: il ticket farmaceutico ennesima tegola sulla testa dei cittadini.
"http://ilberrettoasonagli.ilca... sul mio blog mi interesso di sperperi campani ..."


links
Articolo-21
Parte Attiva
Il Berretto a Sonagli


archivio

Blog letto70003 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Da non perdere:
- Pali pericolanti, il comune di Napoli sapeva da un anno.
- Campania: La vergognosa gestione di Bassolino & co.

Documenti da scaricare:
- Commissione Parlamentare rifiuti: Relazione territoriale Campania (PDF)